2011 > “Lunga vita ai fiori recisi”

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è giornale-di-vicenza-300x297.jpg
di Giovanna Grossato

articolo : Mitrovich, la pittura regala “lunga vita ai fiori recisi”

intervista su boop.it :

Enrico Mitrovich si cimenta con l’estetica del fiore reciso, ai Laboratori Cagliani

Luigi Cagliani Laboratorio Restauro Mobili Antichi e ABC Milano

ospitano

Lunga via ai fiori recisi 

Mostra d’arte contemporanea di Enrico Mitrovich

Apertura: 30 Marzo – 10 Aprile 2011 – Via Civerchio 5, Milano
Vernice: Martedì 29 marzo 2011 – ore 18.30
“I fiori recisi sono belli, rallegrano l’atmosfera e riproducono in casa uno scorcio della stagione attuale. Come dice? Appassiscono? Certamente.
Ma possono mantenersi molto a lungo, premesso un trattamento adeguato.”
Fleurop-Interflora, The power of flowers.
Come fissare l’attimo fuggente con un’immagine bidimensionale in modo che
questa, una volta dipinta, non perda la sua forza e sfiorisca?
Con il titolo scherzoso di questa mostra Enrico Mitrovich invita a una riflessione sul ruolo svolto oggi dalla pittura figurativa, come ricerca estetica e in relazione alle tendenze del mondo dell’arte contemporanea.
Le problematiche che un pittore incontra nella sua attività hanno numerose
analogie con il lavoro del fiorista. Se questi deve lottare disperatamente per
preservare la freschezza e aumentare la durata “mesmerizzata” dei fiori recisi, un pittore deve trovare un nuovo rapporto con le immagini alle quali si ispira, dopo che l’avvento della fotografia ha completamente alterato il significato della pittura figurativa.
In pittura come possiamo dipingere i desiderata sperando di poterci riappropriare del reale, conservandone, il più a lungo se non per sempre, la forza originaria?
Una possibile risposta è in un frammento del testo scritto da Efraim Medina per il catalogo della mostra: “La bellezza non è l’immagine di qualcos’altro, bensì il
movimento, l’orma invisibile che lascia quel qualcosa muovendosi. La foto
dell’antilope non è l’antilope, bensì la sua sfrenata corsa nella prateria”.
Da settant’anni a Milano in via Civerchio, Luigi Cagliani Laboratorio Restauro
Mobili Antichi rappresenta una delle maggiori testimonianze italiane
nell’antiquariato e nella tecnica del restauro. Arrivato alla terza generazione con Davide, è tra i pochissimi specializzati nel mobile intarsiato del ‘700. Luogo di lavoro artigianale e di arte, questo spazio non smette di sorprendere per quanto ospita di prezioso e unico. Due volte l’anno il Laboratorio si apre all’arte
contemporanea diventando una galleria di arte temporanea e propone un invito ad artisti affermati ed emergenti che si confrontano con presenze antiche e con le
attività di tutti i giorni. L’iniziativa è curata dall’associazione ABC Milano arte
contemporanea che da oltre 10 anni promuove la scoperta di nuovi artisti.

catalogo in galleria oppure in formato digitale qui